Vitamina C per migliorare la qualità della pelle

Vitamina C per migliorare la qualità della pelle

La pelle del viso può essere considerata l’espressione più diretta del benessere dell’organismo. Quando ci sentiamo più stressati oppure appesantiti, il viso sembra avere un aspetto più stanco: la pelle è meno luminosa ed il colorito spento, le rughe di espressione sembrano più accentuate e la texture meno compatta, con evidenti pori dilatati e sebo in eccesso. Continua a leggere

stile di vita sano

Uno stile di vita sano aiuta a prevenire l’invecchiamento cutaneo

L’invecchiamento cutaneo è uno dei segni degli anni che passano. Non vorremo accadesse mai, ma dal punto di vista biologico è inevitabile. Le prime zone ad essere coinvolte sono proprio quelle più esposte: viso, collo e décolleté.

Proviamo però a cambiare punto di vista. Vogliamo veramente rimanere giovani a tutti i costi, oppure in fondo la “maturità” non è poi così male? D’altronde il nostro aspetto descrive chi siamo: gli anni che passano sono l’espressione del nostro vissuto, e man mano che diventiamo adulti, lo diventa anche la nostra pelle. L’importante è continuare a piacersi, e questo possiamo farlo cercando di “invecchiare bene”. Continua a leggere

protezione-fotoaging

Prevenire le rughe da fotoaging: proteggere la pelle dal sole

La nostra pelle, in particolare le parti scoperte come il viso, il collo e anche il dorso delle mani, sono spesso esposte ai raggi solari. Non parliamo solo della stagione estiva, e quindi dell’esposizione in spiaggia, ma anche di tutto il resto dell’anno nel quale i raggi solari, sia pur meno intensi, sono comunque presenti. La radiazione solare è formata dagli UVA e UVB. Continua a leggere

Ultherapy®: ultrasuoni microfocalizzati eco-guidati per ridefinire l’ovale del viso

Dott.ssa ALESSIA BUSCARINI Medico estetico

I segni dell’invecchiamento cutaneo non consistono solo nella comparsa delle rughe. Esse sono sicuramente uno dei segni più tangibili, ma sono accompagnate anche da altri cambiamenti che sono meno chiaramente identificabili rispetto al solco della ruga, ma che ugualmente contribuiscono a dare al volto un aspetto stanco e invecchiato.

Stiamo parlando della lassità cutanea, e della conseguente “caduta” del tessuto verso il basso. E la parte del volto che ne risente di più è quella che identifichiamo come terzo inferiore, ossia quella parte compresa dalla punta del naso alla linea mandibolare. La zona che cede per prima è frequentemente quella zigomatica: quando gli zigomi “cadono” verso il basso, si perde anche la definizione della linea mandibolare. Si crea uno “smussamento” delle linee, che si traduce nel volto in un aspetto più stanco e invecchiato. Continua a leggere

Beatrice-Giorgini

Ultrasuoni microfocalizzati per il lifting non chirurgico del sopracciglio

Dott.ssa BEATRICE GIORGINI Medico estetico

Tra i principali segni dell’invecchiamento cutaneo troviamo, oltre alle rughe di espressione, il cedimento della pelle, che tende a scivolare verso il basso come risultato di una progressiva perdita di tono e di elasticità. Assistiamo così ad una perdita di definizione dell’ovale del volto, con contorni meno definiti e possibile comparsa del tipico “doppio mento”, le guance appaiono più scavate e lasse, mentre a livello della zona oculare si determina un inestetismo conosciuto come blefarocalasi, ossia un ripiegamento verso il basso della palpebra superiore. Continua a leggere

Patrizia-Cecchetti

Ultherapy®: il trattamento a ultrasuoni microfocalizzati per il ringiovanimento di collo e décolleté

Dott.ssa PATRIZIA CECCHETTI Dermatologa

Non è solo il viso a rivelare l’età di una donna. Anzi, spesso aiuta a nasconderla. La pelle del viso è quella alla quale si prestano più cure, sia in termini di skincare quotidiano e sia per quanto riguarda i trattamenti di medicina estetica non invasivi o mini invasivi per il ringiovanimento cutaneo. Il viso poi in genere viene abilmente migliorato anche con i prodotti per il make up, che aiutano a perfezionarne l’aspetto con un risultato, se lo si desidera, anche estremamente naturale. Continua a leggere

Ultherapy®: il lifting non chirurgico per il ringiovanimento cutaneo

Dott. MIRKO MANOLA Specialista in Chirurgia plastica

L’invecchiamento cutaneo è un processo metabolico inevitabile ma che tutti, in un modo o nell’altro, cercano di ritardare. Non è bello guardarsi allo specchio e vedere le prime rughe e la pelle che man mano diventa più secca e disidratata perdendo compattezza e tonicità. Più passano gli anni, e più aumentano i prodotti impilati sulla mensola della toilette: creme idratanti, nutrienti, antirughe, acido ialuronico; e ancora contorno occhi, balsamo labbra e così via. Il tutto per attenuare tutti quei segni che rendono il volto più invecchiato e sì, anche un po’ più malinconico. Le rughe ed il cedimento della pelle verso il basso fanno perdere anche un po’ di freschezza, e danno al volto un aspetto più stanco. Continua a leggere

ultherapy-lifting

Tecniche di medicina estetica non invasiva per il ringiovanimento cutaneo

La medicina estetica ha compiuto negli ultimi anni rilevanti progressi in ambito tecnologico, con lo scopo di mettere a punto protocolli di trattamento sempre meno invasivi, in sostituzione dell’intervento di chirurgia plastica, quando possibile si ricorre a tecniche quali laser, radiofrequenza, ultrasuoni o filler per ottenere comunque risultati apprezzabili e ottimali. Fermo restando che in alcuni casi la chirurgia plastica rimane l’unica opzione possibile, in tutti gli altri casi si cerca di applicare protocolli di medicina estetica meno invasivi. Continua a leggere

Ultherapy-GoldStandard

Ultherapy®: il “Gold Standard” per il lifting non chirurgico

Con la collaborazione della Dr.ssa Maria Luisa Pozzuoli.

Quando si parla di ringiovanimento cutaneo del viso si utilizzano di frequente termini come “rigenerazione collagene”, “biorivitalizzazione”, “biostimolazione” o più semplicemente stimolazione del metabolismo cellulare. La parola chiave è senz’altro “collagene”, perché la biorivitalizzazione del tessuto cutaneo si può realizzare proprio grazie alla biostimolazione, ossia attraverso dei trattamenti che stimolino le cellule del derma a produrre nuovo collagene.

Continua a leggere