Ultherapy®: ultrasuoni microfocalizzati ecoguidati come strumento di prevenzione dell’invecchiamento del volto

Dott.ssa ALESSIA BARONI, Medico estetico

L’invecchiamento cutaneo è un processo biologico che coinvolge tutti gli strati della pelle. Le cause sono da ricercarsi sia nei processi metabolici interni dell’organismo, il cui rallentamento è responsabile di quello che chiamiamo crono aging, e sia in fattori esterni quali dieta, abitudini poco sane come ad esempio il fumo, e in ogni caso lo stile di vita più in generale. Nel favorire l’invecchiamento cutaneo rientra anche l’esposizione cronica al sole, in quanto i raggi UVA (presenti anche in inverno, non solo in estate) e UVB sono i responsabili del processo noto come foto aging.

Fermare il tempo non è possibile, ma mantenere una buona qualità della pelle aiuta senz’altro a prevenire l’invecchiamento cutaneo. Se la pelle è più compatta ed elastica, i segni dell’invecchiamento quali rughe, lassità cutanee, ecc. risulteranno meno accentuati e quindi meno evidenti, ed il volto manterrà più a lungo un aspetto giovane e fresco.

La prevenzione in questo senso è sicuramente l’arma più importante che abbiamo a disposizione. Smettere di fumare, mangiare bene (in particolare frutta e verdura di stagione, ricche di vitamine ed antiossidanti), proteggere la pelle dal sole e mantenere una buona elasticità anche attraverso dei trattamenti di medicina estetica, che attualmente sono minimamente invasivi e realizzabili anche attraverso un’unica seduta.

Bisognerebbe incentrare il focus da un altro punto di vista, ossia trattamenti di medicina estetica non solo per pelli agée, con evidente lassità del volto, ma anche per persone più giovani, per prendersi cura della propria pelle ed investire su un trattamento biostimolante, in grado di rigenerare i tessuti in profondità e impedire che gli inestetismi (rughe e lassità) si formino, prolungando di fatto lo status quo giovane della pelle.

Gli ultrasuoni microfocalizzati ecoguidati di Ultherapy® rappresentano una delle tecniche e dei protocolli più innovativi per la prevenzione dell’invecchiamento del volto. Essi riescono ad agire in profondità e a stimolare nell’organismo la produzione di nuovo collagene, una proteina indispensabile per il mantenimento dell’elasticità e della compattezza della cute.

Stimolando un processo biologico il risultato che si ottiene è un ringiovanimento naturale e armonioso, che va non a stravolgere i lineamenti come può accadere con un lifting chirurgico troppo “spinto”, ma a valorizzare la bellezza autentica di ciascun volto. Un effetto senza dubbio liftante, ma naturale e non invasivo.

L’invecchiamento cutaneo da crono aging

La pelle è formata da tre strati: a partire dall’esterno troviamo epidermide, derma e ipoderma. 

L’epidermide ha come funzione prevalente quella di proteggere gli strati più interni dai fattori stressogeni esterni e mantenere il corretto grado di idratazione. Lo strato più esterno dell’epidermide, lo strato corneo, è ricoperto da una sorta di pellicola di natura idrolipidica, il film idrolipidico superficiale. È soprattutto grazie a questo che l’epidermide svolge la propria funzione.

Il derma è lo strato intermedio ed è costituito da un tessuto di tipo connettivo, Al suo interno è presente una fitta rete formata da collagene ed elastina che mantiene la pelle solida ed elastica. La chiave del crono aging è soprattutto qui: il collagene e l’elastina vengono prodotte dai fibroblasti del derma, i quali però intorno ai 25-28 anni di età iniziano a rallentare il processo di sintesi. Questo porta ad una diminuzione delle riserve e ad una perdita di elasticità e compattezza del tessuto che diviene così più suscettibile ai segni dell’invecchiamento.

L’ipoderma è il tessuto più interno formato dal pannicolo adiposo e da tessuto muscolare, che con il tempo tende ad assottigliarsi contribuendo a quella perdita di volumi e lassità tissutale tipica dell’invecchiamento.

L’invecchiamento cutaneo da foto aging

Una delle cause esterne che favorisce l’invecchiamento cutaneo è l’esposizione cronica al sole. I raggi UVA e UVB promuovono nel corpo la produzione di radicali liberi, molecole considerante tra le principali responsabili dell’invecchiamento cellulare.

Le rughe tipiche da foto aging sono quelle cosiddette “attiniche” o “da tramatura cutanea”: fanno sembrare la pelle simile a quella di una pergamena, come fosse un tessuto sgualcito. 

Per prevenire l’invecchiamento da fotoaging è molto importante proteggere la pelle dal sole con creme che abbiamo un fattore di protezione adatto al proprio tipo di pelle ed alla propria età. Non dimentichiamo di proteggere la pelle anche in inverno, perché i raggi UVA riescono ad attraversare le nuvole e penetrare in profondità nella pelle.

Come funziona il trattamento Ultherapy® e perché sceglierlo per un’azione preventiva

Il trattamento Ultherapy® si basa sulla capacità fisica degli ultrasuoni di riscaldare i tessuti alla profondità e alla temperatura ideali per riattivare un naturale processo chiamato neocollagenesi. La vera innovazione di questo protocollo sta nell’utilizzo della sonda ecografica, che permette allo specialista di vedere in tempo reale dove ed a quale profondità sta lavorando.

Ultherapy® è l’unica tecnologia che arriva allo strato muscolare (come in chirurgia): è proprio questo strato che, se trattato correttamente, con visualizzazione ecografica, è responsabile della trazione dei tessuti, passaggio indispensabile per una pelle più liftata e giovane, con risultati stabili fino a 2 anni. La tecnologia è innovativa in quanto nessuna altra tecnologia al mondo permette di trattare tali profondità della pelle in modo così poco invasivo.

Ultherapy® non va altro che a stimolare un processo biologico naturale: la produzione di nuovo collagene. Può essere quindi visto in chiave preventiva: perché arrivare ad avere rughe e lassità molto accentuati? Supportando la produzione di collagene i segni dell’invecchiamento potrebbero esser sia ritardati e sia attenuati.

Ultherapy® è un trattamento poco impegnativo a livello di tempo, perché si esegue in un’unica seduta di circa un’ora e mezza (poi dipende dalle aree trattate). Il risultato è naturale, senza stravolgimenti, con un effetto liftante e altamente rigenerativo con risultati che durano per molto tempo (fino a 2 anni).

Cosa fare nei mesi successivi al trattamento

Il medico che ha eseguito il trattamento saprà poi consigliare come ottimizzare e mantenere al meglio i risultati raggiunti a seconda di ogni paziente. Si potrebbe ad esempio lavorare sull’idratazione o sulle discromie, o in ogni caso mettere in atto protocolli integrati che, combinati all’effetto biologico che Ultherapy® darà nei mesi successivi alla seduta, mantengono la pelle sana e giovane più a lungo.

Il fatto che possiamo combinare diverse tecnologie e che Ultherapy® non abbia una stagionalità ben precisa, permette di eseguire il trattamento durante tutte le stagioni dell’anno; allo stesso tempo consente di poter pianificare e personalizzare piani di trattamento differenziati per ogni paziente, in base alle loro necessità terapeutiche.

Il trattamento Ultherapy® viene eseguito solo da Centri Medici Certificati.