Perché gli ultrasuoni microfocalizzati Ultherapy® sono diventati indispensabili nella mia pratica

Dott.ssa ROSSANA CASTELLANA Dermatologa, Medico Estetico

Da oltre 40 anni mi occupo di medicina estetica.  Ho praticamente iniziato quando questa disciplina non esisteva. A quei tempi c’erano solo i chirurghi plastici e le estetiste, ma erano proprio le pazienti che iniziavano a vedere in una giovane donna dermatologa la persona giusta per soddisfare le loro richieste e chiedere consigli per correggere piccoli inestetismi.

Cominciai quindi ad approfondire, sperimentare ed eseguire i primi peeling e le prime depilazioni con l’ago elettrico (unico apparecchio elettromedicale a nostra disposizione, all’epoca usato per asportare verruche ed altre formazioni patologiche cutanee).

Passando il tempo l’interesse per la medicina estetica stava man mano coinvolgendo diverse aziende d’innovazione. Comparvero quindi i primi laser (che lasciavano i pazienti rossi e gonfi per mesi) ed i primi filler a base di silicone e in seguito il collagene di derivazione bovina per correggere le rughe superficiali, ma tutti i prodotti erano a volte pericolosi per rischio di allergie e granulomi da rigetto.

 Poi arrivò l’acido ialuronico, estratto dalle creste dei galli, proposto sotto forma di filler iniettabile. Questa introduzione nel mercato ha dato il via ad una accelerazione verso le nuove tecnologie, che puntavano a prodotti a base di acido ialuronico non più di derivazione animale, idrossiapatite di calcio, acido polilattico e altre prodotti sempre più sicuri.

I laser divennero sempre più specifici e meno invasivi e cominciarono a comparire radiofrequenze a uso estetico e luci pulsate. L’obiettivo comune era divenuto il fornire prodotti e trattamenti scevri da effetti collaterali e che permettessero di tornare ad una vita di relazione fin da subito.

È per questo che la medicina estetica negli ultimi anni sta affrontando il trattamento degli inestetismi in modo diverso e decisamente più innovativo: trattamenti non invasivi o minimamente invasivi, in grado di agire sugli inestetismi migliorandoli in modo naturale e armonioso, andando non tanto a fare il “ritocchino” quanto a migliorare e valorizzare la bellezza autentica della persona.

Parliamo di trattamenti iniettivi a base di sostanze biocompatibili e riassorbibili da parte dell’organismo, come per l’appunto i sopra citati acido ialuronico e idrossiapatite di calcio, ma anche di protocolli ancora più tecnologicamente avanzati e assolutamente non invasivi, tra i quali gli ultrasuoni microfocalizzati ecoguidati

Da 10 anni poi anni la pelle si tratta poi con il PRXT33, che ha messo le basi per un nuovo tipo di trattamento ambulatoriale non invasivo con una sostanza che, pur essendo fortemente acida, non agisce come un peeling (che spella) ma illumina la pelle rassodandola poiché induce una formazione di nuovo collagene.

 Tutte queste tecniche sono molto efficaci per eliminare le rughe, ripristinare i volumi e dare un effetto tensore, ma non sono più sufficienti sul cedimento dei tessuti, a causa del normale processo di invecchiamento cutaneo, fattori genetici o stile di vita non corretto. Una delle ragioni del manifestarsi della lassità cutanea può essere riconducibile a forti dimagrimenti: questo processo potrebbe rendere troppo lassi i tessuti e la pelle anche a livello muscolare. In questi casi è inutile agire con filler riempitivi e prodotti che agiscono solo superficialmente, con l’obiettivo di distendere la pelle rilassata. 

È proprio per questo che Ultherapy® è il trattamento d’elezione: un protocollo indispensabile per continuare a trattare in modo assolutamente naturale i nostri pazienti e accompagnarli in un percorso dedicato allo skin quality che ritarda i processi di invecchiamento. 

 

Che cos’è Ultherapy®? Come funziona?

Ultherapy® è una tecnologia che eroga ultrasuoni microfocalizzati che il medico operatore, mediante un ecografo integrato, convoglia in vari strati sempre più profondi della pelle fino ad arrivare alla fascia che ricopre lo strato muscolare di viso e collo.

Gli ultrasuoni scaldano in modo controllato i tessuti, a profondità determinate dall’operatore tramite controllo ecografico simultaneo; in questo modo si va ad agire sulla produzione di collagene, che inizia il processo di denaturazione con conseguente neocollagenesi

Durante la fase di denaturazione del collagene, la molecola si accartoccia, creando un effetto lifting quasi immediato, la pelle quindi risulta essere più aderente agli strati più profondi. Sappiamo bene però che questa è solo una prima fase transitoria del processo di neocollagenesi con effetto lifting che inizierà nei mesi successivi.

Cominciamo a parlare di biostimolazione che favorisce i naturali processi dell’organismo, che con l’invecchiamento vanno incontro a un progressivo rallentamento, per rigenerare e reidratare la pelle in profondità in modo del tutto naturale. Questo vuol dire non solo correzione dell’inestetismo, ma anche prevenzione. Andando a trattare in modo sistematico l’inestetismo appena esso si inizia a intravedere, si cerca di evitare di farlo arrivare ad un punto tale per il quale l’unico intervento risolutivo può essere il lifting chirurgico.

Spiegare questo processo ai pazienti è fondamentale per capire meccanismo ed effetto del trattamento, questa prima fase è importantissima perché innesca poi la produzione di nuovo collagene nel tempo, rendendo i tessuti del volto più compatti e tesi. Il meccanismo di biosintesi di nuovo collagene avviene gradualmente col passare dei mesi, è per questo che i visi trattati con Ultherapy® a poco a poco ringiovaniscono per una naturale rigenerazione dei tessuti.

Ultherapy® è il primo e unico lifting a ultrasuoni microfocalizzati approvato FDA in grado di rigenerare la pelle in profondità, rendendola più tonica, compatta e levigata, senza dover ricorrere né a bisturi né ad aghi. La tecnologia DeepSee, ossia la visualizzazione ecografica brevettata che rende Ultherapy® un protocollo unico nel suo genere, è studiata garantire al paziente la massima sicurezza e il massimo confort, perché la guida ecografica consente allo specialista di trattare con la massima precisione solo le aree d’interesse massimizzando l’efficacia e senza intaccare i tessuti circostanti.

Il trattamento viene utilizzato con successo per il ringiovanimento del volto, della zona di collo e décolleté, nella regione sottomentoniera, nonché sul sopracciglio, per riaprire lo sguardo.

Ultherapy® è uno strumento indispensabile nella mia pratica ambulatoriale perché è un trattamento necessario se si vuole rallentare in modo naturale il processo di invecchiamento dei nostri pazienti, siano essi uomini o donne, alle volte alle spalle dei propri coniugi ignari.

Una mia paziente mi ha riferito che il marito un giorno guardandola con amore misto a malinconia le ha detto: “Cara, non capisco perché io invecchio e tu rimani sempre giovane e bella”. Questo è l’effetto Ultherapy®: risultati naturali, graduali nel tempo, visibili ma senza stravolgimenti.